Bruno Casile, il poeta calabro-greco scoperto da Pasolini

Bruno Casile è considerato uno dei più importanti esponenti della poesia calabro-greca.

Nacque a Bova nel 1923 e la sua notorietà è dovuta alla scoperta della sua Poesia da parte di Pasolini.

Pasolini rimase incantato dall’arte poetica di quest’uomo che esaltava la semplicità della vita “contadina”, un mondo che descriveva con la passione di chi ama visceralmente la propria terra.

Casile è stato anche fondatore dell’associazione culturale “Apodiafazzi” che si è distinta nel territorio reggino per la valorizzazione della lingua calabro-greca con numerose pubblicazioni e attività mirate alla diffusione della lingua, non ultimo il corso “Mathennome tin glossa greka tis Kalavrias” che si sta svolgendo in questi mesi a Reggio.

Riportiamo qui una sua poesia:

EGO’ CE TO FENGARI                                           IO E LA LUNA

O fengari fengaruci                                       Luna,  piccola luna
mera ce nista parpatì ,                                   giorno e notte cammini ,
esù den pai sto spitùci                                   tu non hai una casetta
esù den echi mia  ghiortì .                              tu non hai una festa.
Apotòna ligo ligo                                               Riposati poco poco ,
cathu cathu ode condà                                     siediti,siediti qui vicino ,
na su ipo  ena llogùci  :                                     voglio farti un discorsetto ,
na su ipo ticandì:                                                voglio chiederti qualcosa.
Ti mu leji an don cosmo                                    Che mi dici del mondo
esù ti olo to chorì?                                               tu che lo vedi tutto?
” Poddì àcaro pedimmu                                     ” Molto cattivo, figlio mio,
ma ton ecàmete esì”.                                           ma lo avete fatto voi “.
Pemu ciola possu chrònu                                  Dimmi pure quanti anni
echi esù ti parpati ?                                             sono che cammini?
” Imme jero jerondari                                         ” Sono vecchia, molto vecchia,
arte èchasa ammialò                                           ora ho perso la memoria.
An don cosmo poddà pràmata                          Del mondo molte cose
ivra panda ce chrò                                               ho visto sempre e vedrò ancora,
ma de ssonno na su ipo                                      ma non posso dirti altro
jatì den echo ton kierò                                        perchè non ne ho il tempo”.

Premio Internazionale di Poesia “Nosside”. Venerdì 25 Novembre la premiazione al Museo di Reggio

Venerdì 25 Novembre al Museo Archeologico di Reggio si svolgerà la cerimonia di premiazione del Premio Internazionale di Poesia Nosside, la celebre poetessa di Locri Epizefiri che fu seconda solo a Saffo.

Giunto alla XXXII edizione è l’unico concorso di poesia aperto a tutte le lingue e forme di comunicazione del mondo.

Due italiani e una greca i vincitori del premio:

  • Gioacchino Amaddeo, poesia scritta
  • Fulvio Cama, poesia in musica
  • Maria Grammatikaki, poesia in video

Premio Nosside 2016
Premio Nosside 2016