Il culto di Demetra e Persefone (kore) potrebbe avere origini nella nostra terra

E’ un fatto accertato che il culto di Persefone e della madre Demetra ha origine molto antiche, antecedenti alla fase storica della Grecia arcaica e classica.

Altrettanto noto è che le due dee erano venerate in tutta la Magna Grecia (Calabria) e la Trinacria (Sicilia).

In Calabria nell’area di Locri Epizefiri il culto di Persefone era già in uso prima dell’arrivo dei Greci da parte di popolazione autoctone (Enotri, Siculi). Proprio i Siculi che poi passarono in Sicilia potrebbero aver portato il culto della dea nella terra di Trinacria.

E’ un ipotesi che si basa su incroci di studi effettuati da ricercatori calabresi e testimonianze degli storici antichi, principalmente Diodoro Siculo che però colloca la nascita del Mito nella sua terra, la Sicilia.

La Persefone di Locri
La Persefone di Locri oggi a Berlino

Lo Stesso Diodoro afferma però che il culto di Persefone praticato al suo tempo e dai primi Sicelioti poteva avere in realtà origine più antiche ed essere una rielaborazione greca di culti presistenti sull’isola.

A questo punto mi verrebbe da dire: se il culto di Persefone era pre-esistente l’arrivo dei greci in Sicilia e i Siculi che abitarono la Sicilia provenivano dall’Italia, ovvero l’attuale Calabria (I Magno Greci erano detti Italioti), quanto è azzardato sostenere che furono i Siculi a portare il culto in Sicilia? e questi da chi lo avevano appreso?

E’ noto che in Calabria in epoca antica esistevano diversi santuari dedicati alla dea Madre che poi verrà identificata con Demetra dalle stirpi elleniche che popolarono la nostra terra. La devozione che si riscontra nell’area di Locri e delle sub-colonie Hipponium e Medma non può essere casuale.

Pinax Locrese con Ade e Persefone
Pinax Locrese con Ade e Persefone

Diodoro Siculo ci informa che i Siculi occuparono l’entroterra Siciliano e probabilmente anche l’area di Enna, città in cui il culto di Demetra e Kore era molto sentito ed esisteva un Santuario a loro dedicato.

Del resto lo stesso Diodoro identifica, sulla base di resoconti storici precedenti, il lago di Pergusa come il luogo in cui avvenne il rapimento di Persefone da parte del dio degli Inferi Ade.

A tal proposito vale la pena menzionare anche la tesi sostenuta dall’artista-studioso Nick Spatari di Mammola (creatore e direttore del Museo Musaba), che identifica nella stirpe Locrese un’origine molto antica precedente alla colonizzazione greca, di cui sicuramente subì gli influssi, e proveniente dall’Oriente (la stipre che lui definisce “Asittita” ovvero con elementi culturali degli Assiri e degli Ittiti). Penserete forse che il collegamento è fuori luogo, ma in realtà ho voluto menzionarlo solo per indicare che la Calabria era abitata da culture molto avanzate anche prima dell’arrivo dei greci e queste portarono con se sicuramente il loro culti e le loro usanze che potrebbero essere all’origine del mito di Demetra e Kore.

Arte Ittita
Arte Ittita

Spero che qualcuno possa approfondire questo studio ed eventualmente gettare nuova luce.